Oggi 21 Maggio 2024 siamo chiusi
Oggi 21 Mag siamo chiusi

LIUTO TRASFORMATO IN MANDOLA

Inventario Museo Nazionale degli Strumenti Musicali
PV8184
Catalogo generale OA
1200065853
Famiglia
Strumenti a pizzico e plettro
Tipologia
MANDOLA GIÀ LIUTO BASSO
Periodo / Anno
Sec. XVII
Ambito Culturale
Italia, Venezia
Autore/Attribuzione
Magno Dieffopruchar
Materiali
Legno; legno di ebano; avorio
Misure in cm. (largh./alt./lungh.)
35.8; 16.5; 103
Luogo di conservazione
Esposto in MNSM Palazzo Samoggia, Roma

Mandola già liuto costruita da Dieffopruchar nel XVII secolo.

La mandola, in origine un liuto basso, è stata trasformata con interventi molto grossolani e che hanno definitivamente compromesso il suo aspetto originale; solo la splendida cassa in doghe d’avorio è rimasta integra e conserva ancora l’etichetta originale, mentre cavigliere, piano armonico e cordiera sono stati sostituiti. Il corpo in doghe d’avorio ha doppia filettatura in ebano; il piano armonico non originale manca di rosetta e ha una cordiera d’ebano e avorio; il manico è ricoperto d’ebano con tasti d’avorio e cavigliere del tipo della mandola profilato in avorio.