Oggi 21 Maggio 2024 siamo chiusi
Oggi 21 Mag siamo chiusi

ARCILIUTO UNVERDORBEN

Inventario Museo Nazionale degli Strumenti Musicali
37
Catalogo generale OA
1200065854
Famiglia
Strumenti a pizzico e plettro
Tipologia
TIORBA GIÀ LIUTO
Periodo / Anno
Sec. XVI
Ambito Culturale
Italia, Venezia
Autore/Attribuzione
Marx Unverdorben
Materiali
Legno; legno di ebano; avorio
Misure in cm. (largh./alt./lungh.)
31; 112
Luogo di conservazione
Esposto in MNSM Palazzo Samoggia, Roma

Tiorba già liuto costruita a Venezia da Marx Unverdorben nel XVI secolo.

La tiorba ha corpo costituito di doghe alternate in ebano e avorio graffito a disegni ornamentali; il manico sul retro è ornato di strisce d’avorio graffito alternate all’ebano; i piroli sono d’avorio e il cavigliere superiore è del tipo “laterale”, cioè decentrato rispetto all’asse dello strumento. Il piano armonico è ornato di rosetta intagliata a traforo. L’autore, Max Unverdorben, liutaio di grande valore, era attivo a Venezia nella prima metà del sec. XVI. Non se ne hanno notizie biografiche, le sue etichette sono sempre prive di data e anche i suoi strumenti sono andati purtroppo dispersi col tempo. Gli unici ancor oggi esistenti sono un liuto al Museo Nazionale di Praga e questa tiorba del Museo di Roma. A proposito di quest’ultima bisogna osservare che, ad un attento esame, lo strumento sembra tutto assolutamente originale, seppure in pessime condizioni; tuttavia una tiorba datata alla prima metà del ‘500, oltre a cozzare con il gusto musicale dell’epoca, sarebbe un caso unico in quanto è opinione comune che questo strumento sia apparso in Europa non prima del 1570. Potrebbe dunque trattarsi di un liuto trasformato in tiorba. (cfr. L. Cervelli, Brevi note sui liutai tedeschi attivi in Italia dal secolo XVI al XVIII, in: “Studien zur italienischen-deutschen Musikgeschichte”, V, 1968, p.323).